• Piazza Montecastrilli, 29
    00181 Roma
  • LUN | VEN
    09:00 - 19:00
close
Bonus statale caldaie
Dic

Super Bonus 110%: Che cos’è e Come Richiederlo

Che cos’è e come richiederlo

Se vuoi richiedere il bonus statale, o il super bonus, ma non sai quale percentuale di Ecobonus ti spetta continua con la lettura dell’articolo per avere maggiori informazioni.

Il Decreto Rilancio ha sancito la creazione del Superbonus: un’agevolazione che aumenta al 110% l’aliquota di detrazioni possibili delle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021, per specifici interventi in ambito di efficienza energetica di edifici unifamiliari con riscaldamento autonomo o edifici plurifamiliari con riscaldamento centralizzato o delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici implementando il bonus precedentemente stanziato come: Ecobonus.

Con questo incentivo vengono supportati interventi di miglioramento in grado di garantire un salto di almeno due classi energetiche o comunque di portare l’edificio alla massima classe possibile.

Il nuovo bonus viene aggiunto alle detrazioni previste per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio, compresi quelli per la riduzione del rischio sismico (c.d. Sismabonus) .

Sono introdotte alcune novità e facilitazioni per usufruire del bonus statale:

  • La possibilità, al posto dell’utilizzo diretto della detrazione, di sfruttare il bonus grazie a un contributo anticipato sotto forma di sconto dai fornitori dei beni o dei servizi;
  • La cessione del credito corrispondente alla detrazione a un terzo soggetto, in questo caso si dovrà inviare dal 15 ottobre 2020 una comunicazione per esercitare l’opzione.

Il modello per richiedere la cessione di credito è stato approvato l’8 agosto del 2020 con un provvedimento ed è compilabile online e inviabile da qui

A chi interessa

Il Superbonus si applica agli interventi effettuati da una grande quantità di individui:

a) Dai «condomìni», anche in presenza di un “condominio minimo”, ovvero di edificio composto da un numero inferiore a otto condomini;

b) Dalle «persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni, su unità immobiliari». Per questi soggetti, il Superbonus viene applicato limitatamente agli interventi di efficienza energetica realizzati riguardo un massimo di due unità immobiliari, fermo restando il riconoscimento delle detrazioni per gli interventi effettuati sulle parti comuni dell’edificio;

c) Dagli Istituti autonomi case popolari (IACP), comunque denominati nonché dagli enti aventi le stesse finalità sociali dei predetti Istituti, istituiti nella forma di società che rispondono ai requisiti della legislazione europea in materia di «in house providing», per interventi realizzati su immobili, di loro proprietà ovvero gestiti per conto dei comuni, adibiti ad edilizia residenziale pubblica. Per questi soggetti la norma prevede che il Superbonus spetti anche per le spese sostenute dal 1° gennaio 2022 al 30 giugno 2022. Il medesimo termine si applica anche ai condomini nei quali la prevalenza della proprietà dell’immobile (da calcolare in base alla ripartizione millesimale) sia riferibile ai predetti istituiti o enti;

d) Da cooperative di abitazione a proprietà indivisa, per interventi realizzati su immobili posseduti dalle stesse anche se assegnati in godimento ai propri soci;

d-bis) Dalle Organizzazioni non lucrative di utilità sociale di cui all’articolo 10 del decreto legislativo 4 dicembre 1997, n. 460; dalle organizzazioni di volontariato iscritte nei registri di cui alla legge 11 agosto 1991, n. 266 nonché dalle associazioni di promozione sociale iscritte nei registri nazionali, regionali e delle provincie autonome di Trento e Bolzano previsti dall’articolo 7 della legge 7 dicembre 2000, n. 383;

e) Dalle associazioni e società sportive dilettantistiche iscritte nel registro istituito ai sensi dell’articolo 5, comma 2, lettera c), del decreto legislativo 23 luglio 1999, n. 242, «limitatamente ai lavori destinati ai soli immobili o parti di immobili adibiti a spogliatoi»;

f) Le “comunità energetiche rinnovabili” costituite in forma di enti non commerciali o da parte di condomìni che aderiscono alle “configurazioni”, limitatamente alle spese sostenute per impianti a fonte rinnovabile gestiti dai predetti soggetti.

Se gli interventi sono stati eseguiti mediante contratti di locazione finanziaria, la detrazione spetta all’utilizzatore ed è determinata in base al costo sostenuto dalla società concedente.

 

Gli interventi agevolabili

Interventi principali o trainanti

Il Superbonus spetta in caso di:

  • interventi di isolamento termico dell’abitazione
  • sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale sulle parti comuni
  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale sugli edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari di edifici plurifamiliari funzionalmente indipendenti
  • interventi antisismici: la detrazione era già prevista dal Sismabonus, ma viene elevata al 110% per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021.